Osteria del Castello in Cengio Alto

Il Merendino all’Osteria del Castello. I denti di cane adesso sono buoni con l’uovo sodo.

.

La Merenda di Pasquetta 9 aprile 2012

 

Dal primo pomeriggio in avanti

prima su prenotazione pranzo classico della festa

se fa bel tempo dalle 14.00 inizianamo la merenda: portandosi un classico plaid o copertina ci si può accomodare del prato sotto l’osteria e prendere il sole se fa brutto dentro all’osteria fino ad esaurimento posti e in base a quanti mangiano pranzo e a che ora finiscono.
Se fa brutto è meglio prenotare.

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

Le merende fanno parte a tutti gli effetti del mondo culinario, ed hanno una loro tradizione, specialmente la “merenda sinoira”, che poteva durare più ore, arrivando a sostituire la cena (“sinoira”, infatti, deriva dalla forma dialettale piemontese “sina”, che sta per “cena”). Di solito, queste merende erano pasti improvvisati, magari per restituire un favore occasionale, o per accogliere un ospite di passaggio, inaspettato. Oggi, più semplicemente, sono il modo di passare un pomeriggio di festa, quando non si ha voglia di perdere tempo in lunghe e complesse preparazioni, e allora si pesca dalla cantina. Infatti, la caratteristica di questi pasti è che sono composti da alimenti e piatti preparati in precedenza, oppure da prodotti conservati sott’olio o sott’aceto. In particolare, durante le merende si servono salumi e formaggi, torte di verdura, polpette, pizze e focacce, frittelle, verdure sott’olio e sott’aceto, e si accompagnano con vino rigorosamente del territorio. In Piemonte una “merenda sinoira” che si rispetti è accompagnata da Dolcetto o Barbera; le merende liguri si sposano bene, invece, con Pigati, Vermentini, Buzzetti e Granacce. Le merende erano uno dei pasti dove maggiore era l’aspetto ludico (e talvolta goliardico), poiché spesso erano organizzate dai giovani del paese e consumate nei boschi o nei prati, vicino a fonti o corsi d’acqua, e non di rado erano l’occasione per i corteggiamenti e per le prime dimostrazioni d’amore, specialmente quando ancora ricalcavano le tradizionali feste di maggio o le Leve, ed erano accompagnate da giochi, scherzi e piccole rivalità tra i ragazzi dei diversi borghi . D.M

Fave con salame e pecorino

Pane Fritto dell’Osteria

Focacce e fazze alle erbe

Bruz

Uovo sodo con Denti di Cane

Salumi Artigianali

Frittate primaverili

Acciughe al verde

Torta  di Zucca

Polpettine  in carpione

Frittelle dolci: i friscioi

Il mattone di Beppo

Dolcetto D’Alba D.O.C  e Barbera d’Alba DOC da Agricoltura Biologica

Azienda  Agr. Boggione Enrico – Monforte  CN – Italia

euro 12/15 a persona bevande comprese

1/2 LITRO DI VINO A TESTA  o una bibita + acqua

 

in più su richiesta ravioli e tutto il resto

PIAZZA LIBERTA’ 19 – 17056 CENGIO ALTO (SV)  P.IVA 01611290097  C.F PNCLSN73L28I480Y

TEL. 019 555669  FAX 019 553747  CELL. 3394117215 – 3495317875 – 3888482691

osteriacengioalto@gmail.com    www.osteriadelcastello.wordpress.com

Questa voce è stata pubblicata il marzo 22, 2012 alle 11:49 PM. È archiviata in Uncategorized con tag . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: